"Titanic 3D": Kate Winslet nuda censurata in Cina...

Scritto da: -

Le curve della Winslet in 3D censurate per non... fare allungare le mani agli spettatori. Siamo al ridicolo.

kate-winslet-naked-titanic3d.jpg

 

Forse che quel nudo, carnoso e quasi pittoricamente settecentesco, potesse turbare il pubblico nella sua spettacolare versione 3D? Chissà. In ogni caso, il nudo di Kate Winslet in “Titanic 3D” è stato censurato in Cina. Il regime comunista di Pechino si è fatto ancora più rosso - in viso - guardando le scene in cui la bella attrice britannica appariva come mamma l’ha fatta, per essere dipinta (nella finzione) da un adorante Leonardo Di Caprio. Proprio prima del disastro del Titanic.

Il film di James Cameron - tornato nelle sale di tutto il mondo in veste tridimensionale per commemorare il centesimo anniversario dell’affondamento del leggendario transatlantico, avvenuto la notte del 15 aprile 1912 - sta mietendo clamorosi successi di botteghino in tutto il pianeta. Un bis che farà discutere. In Cina, però, il Sarf (l’autorità statale di censura) ha detto “no” alla nudità della Winslet.

 

Ma la spiegazione ufficiale data dal Sarf è da sbellicarsi dal ridere. Sentite, anzi leggete: “Vista la potenza realistica del 3D, temiamo che gli spettatori allunghino le mani per cercare di toccare e, in questo modo, finiscano per disturbare la visione degli altri presenti in sala. Per evitare ogni possibile controversia tra gli spettatori e nel rispetto dell’armonia etica e sociale, abbiamo preferito tagliare le scene di nudo”.

Ve li vedete milioni di cinesi arrapati che si lasciano gabbare dalle magie del 3D e allungano una manata su una corposa poppa della bella diva britannica? Insomma, o i capoccia rossi di Pechino pensano che la propria popolazione sia ritardata o - come pensiamo noi - lo fanno semplicemente per bigotteria. Bigottismo ateo e di regime? Ebbene sì, alla faccia dei luoghi comuni…

Vota l'articolo:
3.50 su 5.00 basato su 2 voti.